Apr 10, 2015
1557 Views
1 0

La bioinformatica è uno strumento per l’insegnamento della biologia

Written by

allineamento di sequenze proteicheLa bioinformatica si fonda su un’idea molto semplice ma molto potente: le macromolecole biologiche sono polimeri costituiti da sequenze di monomeri concatenate far loro, se assegno ad ogni monomero una lettera ogni polimero è una parola. Le parole in qunto tali possono essere analizzate con tutti gli strumenti informatici che abbiamo a disposizione per analizzare files di testo.

Una delle cose che facciamo più frequentemente è confrontare le parole fra loro per vedere se si somigliano, quanto si somigliano, se ci sono gruppi di lettere in comune fra parole associate ad una stessa funzione o ad una stessa localizzazione cellulare.

Ad esempio, c’è qualcosa di ricorrente nelle sequenze che precedono il sito di inizio della trascrizione? Se ci fosse avremmo trovato la firma delle regioni promotoriali e potremmo prevederle in un nuovo tratto di DNA che sequenziamo e di cui non sappiamo ancora niente.

Il sequenziamento di molecole biologiche, in particolare DNA ed RNA, ma anche proteine è diventato sempre più veloce e più economico negli ultimi anni. Proprio per questo è diventato il metodo prediletto per tante indagini di tipo biologico. Le applicazioni di questa tecnica sono vastissime e vanno dalle ricerche “discovery driven”, sequenziamo e vediamo se i dati che raccogliamo ci fanno vedere cose che neanche immaginavamo (ad esempio il sequenziamento del genoma umano ha aperto molte più nuove domande di quante ne abbia risposte) alle ricerche “hypothesis driven”, usiamo il sequenziamento all’interno di un esperimento per trovare risposte a domande che ci poniamo da anni. Il numero di applicazioni che attualmente sono state immaginate e sono in uso è molto vasto, ma non c’è limite alla fantasia, soprattutto a quella degli studenti! Per cui il suggerimento è raccontate loro che esiste il sequenziamento e spiegate con esempi quali informazioni riusciamo ad estrarre dai dati di sequenziamento. Infine invitate loro a immaginare esperimenti in cui userebbero questa tecnica.. non rimarrete delusi!

Perchè introdurre la bioinformatica nelle scuole superiori

Contenuti che gli studenti possono acquisire

  • la bioinformatica si presta molto bene per affrontare molti concetti di biologia molecolare, biologia umana, genetica ed evoluzione
  • iniziare ad usare le banche dati e molti software di analisi bioinformatica dà agli studenti un insieme di strumenti che saranno utilissimi durante gli studi universitari scientifici e che gli saranno utili per analizzare le notizie di attualità
  • I contenuti sono diversi nei vari curriculum di studi:
  • insegnare a sviluppare programmi per analizzare dati (riguarda una collaborazione fra insegnanti di scienze e di informatica)
  • insegnare ad utilizzare programmi preesistenti per analizzare un particolare gruppo di dati (può essere completamente in carico dell’insegnante di scienze)

Utilità metodologichemetodoscientifico

  • la bioinformatica è un ottimo metodo per far esercitare gli studenti con il metodo sperimentale
  • si può applicare a domande molto concrete e attuali
  • utilizza strumenti moderni che gli studenti conoscono bene
  • molte applicazioni sono estremamente interattive
  • si presta per assegnare agli studenti percorsi differenziati e compiti individuali

Ambiti di studio in cui si può usare questo metodo

  • Filogenesi
  • Geni, RNA, caratteristiche dei trascritti
  • Genetica umana: varianti geniche e geni malattia
  • Enzimi e proteine
  • Mappe del metabolismo cellulare

Come usare questo strumento:

UN PO’ DI CONSIGLI

La bioinformatica non è una materia per se, non è l’ennesimo tassello da aggiungere ad un programma già molto denso, ma è uno strumento nelle mani dell’insegnante per affrontare con gli studenti in modo interattivo gli argomenti di lezione. Soprattutto è uno strumento importante per fare scienza in classe, per non raccontare l’argomento, ma scoprire i contenuti insieme agli studenti grazie ad esperimenti già fatti o da fare a portata di click!

Quindi non ci sono attività già pronte, ma ci son attività che l’insegnante può preparare di volta in volta, che può disegnare seguendo 10 regole d’oro che David Form and Fran Lewitter ci indicano in un articolo pubblicato nel 2011 su Plos Computational Biology intitolato “Ten Simple Rules for Teaching Bioinformatics at the High School Level”. (Una versione in italiano di queste 10 regole d’oro è disponibile fra le diapositive del corso per docenti tenuto ad Orvieto e a San Bonifacio)

UN PO’ DI ESERCIZI PER IMPRATICHIRSI

Dobbiamo imparare a padroneggiare alcuni strumenti per potere preparare delle esercitazioni interessanti per gli studenti.

Il primo obiettivo è certamente imparare a cercare informazioni nelle banche dati di interesse biologico. Proviamo a fare qualche ricerca nelle seguente banche dati:

NCBI (http:// www.ncbi.nlm.nih.gov/)

EBI (http://www.ebi.ac.uk/)

PDB (http://www.rcsb.org/ pdb/home/home.do)

Paleobiology Database (http:// fossilworks.org/?a=home)

PubMed (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed)

E ora proviamo a fare una piccola esercitazioni utile per noi e che possiamo anche proporre agli studenti:

“Esploriamo l’evoluzione delle proteine sensibili alla luce” (disponibile al seguente url: http:// emblog.embl.de/ells/esploriamo-levoluzione-delle- proteine-sensibili-alla-luce?lang=it)

QUALCHE LEZIONE GIA’ PRONTA

Infine in effetti non ha senso ripreparare tutti mille volte la stessa lezione. Per cui metto a disposizione di tutti gli insegnanti di scienze le lezioni pubblicate su questo sito.

In particolare c’è una lezione che riguarda gli RNA che non codificano per proteine, nella quali si parte dalle evidenze in banca dati per scoprire quali RNA esistono e poi discutere quale sia la funzione.

Per rispondere ad una richiesta dei miei studenti riguardo ad alcuni fatti di attualità che li avevano colpiti ho preparato una lezione sulla ricerca delle informazioni su internet. A questa lezione è anche seguita una lezione sul biorisanamento in cui sono stati chiamati loro a mettere delle informazioni su internet.

Nella lezione riguardo al genoma umano abbiamo utilizzato molti strumenti messi a disposizione dal consorzio internazionale genoma umano che prevedono una speciale sezione riguardo alla bioinformatica (questo materiale è tutto in inglese).

Infine su questo sito ci sono 2 esercitazioni di bioinformatica che richiedono circa 4 ore per essere svolte e che sono pensate per studenti con conoscenze di programmazione e per studenti senza prerequisiti di informatica.

Spero che questo sito si arricchisca presto di nuove esperienze, se preparate voi delle altre lezioni, condividetele pure su questo sito, sarà lavoro prezioso per tutti!

Infine cliccando su questo link troverete le diapositive del corso

Article Categories:
Insegnanti · Tutto

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.
Ok